Addestrare un cane: sai riconoscere i problemi comportamentali?

By | 14 settembre 2015

problemi comportamentali caniAddestrare un cane non è mai facile. Lo abbiamo ribadito più volte: gli ostacoli da superare sono sempre numerosi, e non sempre il nostro amico Fido ci da’ le soddisfazioni sperate. E’ anche vero che, dal canto nostro, dobbiamo metterci impegno, ma soprattutto costanza e pazienza. Anche nel momento in cui ci troviamo ad affrontare i problemi comportamentali del nostro amico.

Già, perchè non sempre le sue difficoltà di apprendimento sono dovute a mancanza di attenzione, voglia di giocare oppure da distrazioni varie. In alcuni casi ci troviamo di fronte a problemi comportamentali da gestire, curare e soprattutto identificare per tempo.

Di fatto, il cane può esibire dei comportamenti fastidiosi, rumorosi e poco graditi al padrone. La prima reazione di quest’ultimo è, ovviamente, quello di arginare il problema solo in quel momento. Ma se ci fosse qualcosa di più? Se Fido, in realtà, stesse affrontando un momento delicato della sua vita? Questo tipo di manifestazioni possono avere origini diverse che, ovviamente, richiedono interventi mirati.

In alcuni casi, ad esempio, possiamo trovarci di fronte a problemi causati dall’errata gestione del cane. In altri, a veri e propri malesseri. Ecco perchè è importante saper riconoscere i segnali per tempo. Vediamo, allora, alcuni esempi.

Se il vostro cane è in costante allerta, sempre vigile ed in costante agitazione, allora potrebbe manifestare dei stati d’ansia da curare e gestire. Con il suo comportamento, infatti, cerca di far capire al proprio padrone di essere in preda ad un costante allarme.

Attenzione, poi, alle sue fobie: l’allerta del temporale, la paura di altri cani oppure della confusione che c’è per strada. Anche l’aggressività è un comportamento da tenere a bada: è difficile, infatti, andare in giro per strada se il tuo cane attacca gli altri suoi simili, o se abbaia prepotentemente a chiunque.

La distruttività e l’iperattività sono altri due problemi comportamentali da tenere bene a bada: nel primo caso parliamo di Fido che mastica e distrugge l’arredamento di casa, le porte, i mobili, o qualsiasi oggetto che incontra sul suo cammino.

L’iperattività, invece, può essere manifestata in diversi modi: il cane, infatti, può mostrarsi sempre in allerta. Proprio per questo può essere facilemente frainteso con gli stati ansiogeni, precedentemente descritti. In realtà, potete facilmente comprendere questo disturbo osservandolo bene, e notando se mostra difficoltà di concentrazione.

Infine, parliamo di altri due disturbi comportamentali piuttosto diffusi: l’incapacità di gestire, anche brevemente, la solitudine (se piange sempre, urina o defeca quando è da solo), e la stereotipia. In quest’ultimo caso, parliamo di un disturbo psicomotorio che si manifesta ripetutamente. Facciamo degli esempi concreti: Fido che si rincorre la coda, oppure che si lecca o morde ossessivamente alcune parti del corpo.

Tutti questi sintomi, sebbene inizialmente possano essere sottovalutati, a lungo andare possono creare danni irreparabili al vostro amico Fido. Proprio per questo motivo è consigliabile rivolgersi ad un esperto del comportamento canino. Se non conoscete nessuno, rivolgetevi al vostro veterinario di fiducia: saprà darvi indicazioni utili.

One thought on “Addestrare un cane: sai riconoscere i problemi comportamentali?

  1. brunila

    ho un cane di razza meticcio la mamma è un pincher (il papà non si sa) , ha dei comportamenti strani cioè è il primo cane che ho preso ha solo 2 mesi e mezzo ma ha dei comportamenti strani fa spesso la pipì se mi avvicino mi ringhia e vuole mordere anche quando lo prendo in braccio per fargli le coccole mi vuole mordere la mano, non riesco a fargli capire che non si fa , delle volte gli sgrido e obbedisce e va alla sua cuccia ma non so come mi devo comportare ;(

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *